Categories:

Gli hacker continuano a provare il portafoglio di crack contenente 700 milioni di dollari di BTC

Gli hacker hanno cercato di aprire un portafoglio di criptovaluta che contiene un tesoro di Bitcoin del valore di circa 700 milioni di dollari per più di un anno.

Secondo un rapporto della Vice hacker, gli hacker hanno condiviso i dettagli del portafoglio che attualmente contiene 69.370 BTC, che vale 711 milioni di dollari al momento della stampa. Il portafoglio è elencato al settimo posto nella lista dei portafogli Bitcoininfo che contengono le maggiori quantità di Bitcoin.

La storia è stata originariamente ripresa dopo che Alon Gal, il Chief Technology Officer della società di intelligence sulla criminalità informatica Hudson Rock, ha pubblicato un Tweet dell’indirizzo Immediate Edge che è stato pubblicato su vari forum di hackeraggio sotterraneo per cercare di aprirlo.

L’indirizzo, 1HQ3Go3ggs8pFnXuHVHRytPCq5fGGG8Hbhx, è visualizzabile su Blockchain.com e il suo saldo è visualizzabile grazie al protocollo Bitcoin che permette a chiunque di visualizzare un indirizzo pubblico BTC holdings. Il proprietario dell’indirizzo rimane comunque un mistero.

Gli hacker che cercano di aprirlo

È stato anche riferito che vari individui hanno cercato di vendere il file wallet.dat dell’indirizzo su varie piattaforme online, mentre altri hanno suggerito che il file reale potrebbe non essere legittimo. Tuttavia su siti web come Satoshidisk.com, il file wallet.dat viene venduto per oltre 1000 dollari in BTC.

Gal è stato citato da Motherboard dicendo che gli individui specializzati nel cracking di file criptati aperti e portafogli con valuta criptata sarebbero disposti ad acquistare questo tipo di file.

„Rubare i portafogli Bitcoin alle vittime in tutto il mondo è un obiettivo comune tra i criminali informatici. I portafogli tendono a essere protetti da password forti e nel caso in cui un criminale informatico riesca a procurarsi un portafoglio e non riesca a decifrare la password potrebbe venderlo a opportunistici cracker di hashish che sono individui con una grande quantità di potenza di GPU“, ha detto Gal a Motherboard.

Questo stesso file è stato notato in vendita su un sito web nel lontano giugno 2019.

L’indirizzo potrebbe essere falsificato

C’è anche la possibilità che gli individui cerchino di truffare gli hacker inconsapevoli che cercano di accedere al file wallet.dat.

Secondo „Dave Bitcoin“, che gestisce il servizio online Wallet Recovery Services, è possibile per gli utenti modificare i dettagli del file wallet.dat per farlo sembrare un indirizzo pubblico che contiene una grande quantità di BTC.

„Il file del portafoglio contiene coppie di chiavi pubbliche e chiavi private criptate degli indirizzi che controlla. Quindi si potrebbe modificare il file in un editor binario e cambiare la chiave pubblica di una delle coppie di indirizzi con quella di un indirizzo BTC di alto valore“, ha detto Dave Bitcoin alla Vice.

L’unico modo per accertarsene è aprire il portafoglio e questo sarebbe un’impresa incredibilmente difficile. Un certo numero di esperti di crittografia hanno stimato che ci vorrebbero un’enorme potenza di calcolo e molti anni per trovare la password per accedere al solo file wallet.dat.